Overbooking Volotea: 5 step per farsi rimborsare

overbooking-volotea-rimborso

Se sei stato vittima anche tu in un overbooking Volotea, in questa pagina troverai i 5 passi da seguire per ottenere un rimborso. Inoltre, scoprirai come poter avere ricevere un risarcimento se è possibile dimostrare un danno ulteriore fino a 6.000 euro.

La Volotea è un vettore spagnolo low cost che nel 2018 ha anche rischiato uno stop dei voli da parte dell’ENAC proprio per una pratica eccessiva di overbooking. In sostanza, la Volotea vende un numero maggiore di biglietti rispetto ai posti disponibili sull’aereo. Ma se tutti i passeggeri si presentano all’imbarco, per qualcuno non ci sarà posto e gli verrà negato l’imbarco. Prima del 2019, però, la Volotea ha abusato di questa pratica che è tollerata dalla legge europea e nazionale entro certi limiti.

Tuttavia, dal febbraio 2019 la Volotea ha ridotto il numero di overbooking del 65% (secondo i dati di TuoRisarcimento aggiornati a febbraio 2020), ma continua ancora a praticarlo. Del resto, anche tu hai di sicuro subito un negato imbarco Volotea se stai leggendo questa pagina.

Ciò che facciamo noi di TuoRisarcimento è molto semplice: in caso di overbooking Volotea, applichiamo il Regolamento CE 261, il quale prevede il rimborso totale del biglietto e la compensazione pecuniaria da 250 a 600 euro. Se ci sono i presupposti, applichiamo anche la Convenzione di Montreal per risarcimenti fino a 6.000 euro.

Ma scopriamo quali sono i 5 step per ottenere un rimborso per overbooking Volotea.

1# Presentarsi in orario per l’imbarco

Presentarsi in orario ai voli Volotea in overbooking

 

I presupposti per agire nella richiesta di rimborso per overbooking Volotea sono:

  • aver effettuato il check-in on line (per l’acquisto on line)
  • essere quindi in possesso di una carta di imbarco (stampata o su dispositivo elettronico come smartphone), solitamente ottenuta dopo il check-in on line
  • presentarsi all’aeroporto di partenza per l’imbarco almeno 35 minuti prima con regolari documenti di viaggio (carta di imbarco + documento di riconoscimento valido per viaggiare)

In mancanza di uno di questi presupposti, la Volotea potrebbe impedire legittimante l’imbarco e al passeggero non spetterebbe nessuna tutela.

Per esempio, si ha “no show” se il passeggero non si presenta in orario all’imbarco. Oppure, se il passeggero ha dimenticato la carta di identità, l’imbarco è negato per motivi diversi dall’overbooking. Di conseguenza, non si ha diritto alla compensazione pecuniaria.

Ma se vi sono tutti i presupposti sopra elencati e l’imbarco viene negato, si ha tecnicamente un overbooking risarcibile in base al diritto europeo (Reg. CE 261/2004).

Se si supera questo step, eccoci al prossimo.

2# Possedere l’attestazione di overbooking Volotea

Il personale del banco di accettazione deve rilasciarti un’attestazione di negato imbarco. Si tratta di un documento in cui la Volotea ufficializza che il passeggero si è correttamente presentato per l’imbarco del volo ma subisce la pratica dell’Overbooking Volotea.

Solitamente, l’attestazione contiene queste informazioni:

  • numero e data del volo in overbooking
  • dati del passeggero
  • volo sostitutivo omaggiato al passeggero

Questo documento è importantissimo per la richiesta di rimborso, altrimenti si rischia che la Volotea possa contestare un “no show”. Cioè la Volotea potrebbe sostenere che il passeggero non si sia presentato in orario per l’imbarco e quindi che non gli spetta nessun rimborso per overbooking.

Noi di TuoRisarcimento abbiamo ricevuto richieste per overbooking Alitalia in cui il vettore ha poi sostenuto che il passeggero non si fosse mai presentato per l’imbarco. I nostri legali, però, sono comunque riusciti a vincere il caso con le testimonianze scritte di altri passeggeri. Ovviamente, il possesso dell’attestazione di negato imbarco risolve ogni possibile contestazione da parte della Volotea.

3# Conservare fatture e scontrini di spese correlate

Scontrini e fatture per overbooking Voltea
Scontrini e fatture per overbooking Volotea

In caso di negato imbarco, il vettore deve garantire al passeggero di poter raggiungere la destinazione finale con un volo sostitutivo. Questo volo deve ovviamente essere offerto al passeggero in modo gratuito. Generalmente, viene offerto un altro volo Volotea, ma può anche essere offerto un altro volo di un vettore partner della Volotea.

Se la Volotea non dovesse offrire un volo alternativo in modo gratuito e sei costretto ad acquistarlo a proprie spese, puoi chiedere il rimborso di quanto speso.

Tutti sanno che i voli acquistati in aeroporto sono molto più cari di quelli acquistati in anticipo su internet. Per il rimborso del volo sostitutivo non ci sono limiti di spesa.

Nel 2018, siamo riusciti a far ottenere a un passeggero di Bologna un rimborso di 2.784,00 euro per un volo che aveva acquistato dalla Air France. Mentre nel 2017, a una famiglia di Brindisi, abbiamo fatto ottenere un rimborso totale di 4.565,75 euro per spese di hotel, volo sostitutivo e taxi.

Oltre alle spese per un eventuale volo sostitutivo, il passeggero ha diritto al rimborso delle spese sostenute a causa del negato imbarco. Per esempio:

  • ristorante, se il tempo di attesa per il volo sostitutivo rende necessario pasti e bevande
  • hotel, se il volo sostitutivo parte il giorno successivo
  • taxi o noleggio, se bisogna raggiungere l’hotel

Tutte queste spese sono rimborsabili se documentate con scontrini, fatture o ricevute di acquisto, fino al limite di 6.000 euro previsto dalla Convenzione di Montreal.

4# Verificare il volo in overbooking on line

Richiesta rimborso Volotea per negato imbarco

Il passeggero che ha subito un overbooking Volotea deve formulare un reclamo al vettore per la richiesta di pagamento della compensazione e del rimborso delle spese.

Generalmente, il passeggero invia una prima raccomandata internazionale A/R (in inglese o spagnolo) alla sede legale della Volotea in Spagna a questo indirizzo:

Volotea

Travessera de Gracia 56, 4ª

08006 Barcellona (España)

Non è per niente consigliato, invece, fare richieste al numero di telefono +34 93 11 717 77, sia per i costi della telefonata sia perché il reclamo telefonico non produce effetti utili.

Dopodiché, la compagnia aerea richiede spesso al passeggero l’invio di una seconda lettera con i documenti originali: biglietto, attestazione overbooking, scontrini, fatture, ecc.

ATTENZIONE: L’invio dei documenti originali, però, è fortemente sconsigliato, perché:

  • possono smarrirsi
  • il passeggero ne perde il possesso e se la compagnia aerea dovesse non rispondere al reclamo, in futuro è impossibile presentare un reclamo con assistenza legale

Come evitare di spedire documenti originali per posta in Spagna?

Se ti lasci aiutare da noi di TuoRisarcimento, non servirà spedire documenti per posta, perché la pratica di overbooking Volotea verrà interamente gestita on line. Ci occuperemo noi di diffidare la Volotea a pagare e lo faremo mediante una mail con posta elettronica certificata (P.E.C.). Saremo noi a trasmettere così la scansione dei documenti richiesti, senza la spedizione di originali che resteranno sempre nelle tue mani.

Cosa ancora più importante, la nostra lettera conterrà una messa in mora a pagare entro 15 giorni formulata dallo Studio Legale Piemonte. Tutti sappiamo che una richiesta di risarcimento formulata da un avvocato sarà più incisiva e minacciosa per farsi pagare prima e senza contestazioni.

Riceverai assistenza gratuita dai nostri avvocati specializzati in diritto del trasporto aereo. Non avrai, dunque, nessun spesa amministrativa e di spedizione. Vincoliamo il tuo successo al nostro e tratterremo una percentuale del rimborso solo quando porteremo al termine il lavoro.

La nostra assistenza durerà per tutto l’iter burocratico e questo ti consentirà di passare subito allo step n. 5.

5# Incassare il rimborso per Overbooking Volotea

Incasso compensazione overbooking Volotea

Eccoci all’ultimo step, il più gradito per i passeggeri italiani che ci hanno già scelti e, lasciatelo dire, anche il più gradito per noi. Sì, perché abbiamo il privilegio di curare ogni pratica come se fosse la nostra personale. Per cui è una enorme soddisfazione vincere i reclami dei passeggeri.

Dal 2012 ci occupiamo di overbooking Volotea e siamo riusciti a ottenere il 100% delle compensazioni previste dal Regolamento CE 261/2004. Non abbiamo nessuna formula magica, ma sappiamo come fare. Abbiamo avuto risultati vincenti anche nei casi in cui Volotea ha voluto scaricare la colpa sul passeggero o sui servizi aeroportuali, per motivi in realtà non veritieri.

Al termine della procedura, riceverai il rimborso dell’overbooking direttamente sulla stessa carta di credito utilizzata per acquistare il biglietto del volo oppure, su tua scelta, su un IBAN differente che ci indicherai.

Cosa aspetti? Non incasinarti in montagne di fotocopie da spedire e, soprattutto, non rischiare che ti venga scaricata la colpa per aver rifiutato tu l’imbarco. La pratica gestita direttamente da un avvocato eviterà intoppi e contestazioni.

Ci occuperemo di tutto noi in modo assolutamente gratuito.

Vai alla nostra pagina di VERIFICA VOLO GRATIS e saremo felici di aiutarti.

Rimborso Hotel volo cancellato: Sempre possibile?

Rimborso-hotel-volo-cancellato

È possibile avere un rimborso hotel per volo cancellato?

La risposta è: forse.

Pensa che nel dubbio, molte persone decidono di passare la notte all’interno dell’aeroporto, anche con tutta la famiglia, perché non hanno una risposta chiara a questa domanda. Le spese di albergo, infatti, possono essere molto alte se riguardano un’intera famiglia o se non si ha una prenotazione in anticipo. La fortuna è quindi riuscire a leggere questo articolo in tempo, ma in ogni caso ci sono dei rimedi azionabili anche se non sei andato in hotel e che ti possono far ottenere un risarcimento danni.

Puoi richiedere i rimborsi previsti in questo articolo entro 2 anni dall’accaduto. Basta aver conservato alcuni documenti utili da utilizzare come prove.

Sono un avvocato specializzato in diritto dei trasporti aerei e in questo articolo ti parlerò dei casi in cui puoi chiedere il rimborso. Se ne avrai bisogno, puoi scrivere a noi di TuoRisarcimento per chiedere la restituzione dei soldi spesi per il pernottamento.

Ma facciamo maggiore chiarezza sulle spese alberghiere.

Rimborso Hotel: quando è obbligatorio?

Il rimborso spese hotel è obbligatorio solo ed esclusivamente quando sussistono tutte queste circostanze (nessuna esclusa):

  • il volo acquistato è in ritardo, cancellato o in overbooking
  • il volo sostitutivo partirà il giorno successivo
  • la sistemazione in albergo è quindi necessaria e pertinente (in base agli orari dei voli aerei)
  • il vettore aereo non ha offerto gratuitamente la sistemazione in hotel
  • il passeggero ha dovuto pagare a proprie spese l’hotel
  • il passeggero può dimostrare documentalmente la spesa (ad esempio con fattura o ricevuta di pagamento dell’hotel)

La sistemazione in hotel deve essere offerta dal vettore in modo chiaro e accessibile, ad esempio con l’invio di mail, sms o annunci in aeroporto nella lingua parlata dal passeggero. Inoltre, deve essere il vettore a offrire l’assistenza in modo attivo. Ciò significa che non deve essere il passeggero a dover andare alla ricerca dell’hotel in modo autonomo.

Quando il vettore può rifiutare di offrire la sistemazione in Hotel?

Ecco un esempio in cui la sistemazione in albergo non è necessaria e pertinente:

  • volo acquistato con partenza prevista alle 23:30, volo sostitutivo con partenza prevista il giorno successivo alle ore 5:00. In questo caso, non ci sarebbe il tempo per accompagnare i passeggeri in hotel e poi riportarli in aeroporti in piena notte per l’imbarco.

In casi simili, il vettore non è obbligato a pagare l’hotel e se il passeggero avrà prenotato un albergo non può chiedere il rimborso.

I casi, però, possono essere tanti e particolari. Se hai dubbi, puoi scriverci nella nostra pagina CONTATTACI e saremo contenti di poterti aiutare.

L’importanza del luogo di residenza

Il luogo di residenza è fondamentale per distinguere i casi in cui si ha diritto alla sistemazione in albergo o meno. Si ha infatti diritto all’albergo se non si è residenti nella stessa città dell’aeroporto oppure se si è residente in una città distante dall’aeroporto.

Se la tua residenza è a Bologna ed è cancellato il volo di andata con partenza da Bologna a Palermo, non hai diritto all’albergo. Perché potresti ritornare a casa per il pernottamento. Ma hai diritto al rimborso delle spese di taxi per andare a casa e ritornare in aeroporto il giorno successivo.

Se, invece, è cancellato il volo di ritorno da Palermo, hai diritto alla sistemazione in albergo a Palermo. Perché la tua residenza è a Bologna. E anche in questo caso hai diritto al rimborso delle spese di trasporto dall’aeroporto di Palermo all’hotel.

Allo stesso modo, se la tua residenza è a Firenze e il volo per Parigi era in partenza da Bologna, hai ugualmente diritto all’albergo a Bologna.

Posso rifiutare l’Hotel offerto dal vettore e sceglierne un altro?

Puoi rifiutare, ma non potrai chiedere nessun rimborso per spese sostenute in altri hotel.

Diverso è invece il caso di alcuni passeggeri che nel 2019 sono stati sistemati in un albergo di Tenerife con pessime condizioni igieniche. In quel caso, abbiamo avviato un’azione giudiziaria contro un famoso vettore irlandese e abbiamo ottenuto un risarcimento del danno dimostrato con foto dell’hotel fatiscente.

Posso scegliere un hotel lussuoso?

Il diritto europeo prevede la sistemazione in albergo se questa è necessaria per il pernottamento, ma non garantisce una sistemazione in alberghi di lusso. Risulta chiaro che la spesa per la sistemazione dell’albergo deve essere congrua e pertinente. Per cui può variare in base agli hotel nei pressi dell’aeroporto che possono essere differenti. In India potrà essere pertinente un hotel a 4 stelle, mentre a Parigi potrà essere pertinente un hotel a 3 stelle.

Anche la spesa del pernottamento deve essere pertinente e congrua (ad es. tra i 50 e i 130 euro circa). Questo significa che, se il vettore non offre la sistemazione in albergo e tu prenoti una camera da 950 euro, non potrai chiedere il rimborso integrale. Al massimo potrai chiedere il rimborso di circa 120 euro, restando a tuo carico la restante somma.

Ancora diverso è il caso di chi è costretto a prenotare una camera di un albergo costoso (ad es. 280 euro), perché gli hotel più economici sono al completo. In questo caso, però, bisognerà poter dare la prova che gli altri hotel erano al completo (ad es. stampando la schermata del sito di prenotazione che mostra tutte le camere economiche già prenotate).

Chi paga il trasporto fino all’Hotel?

Anche il trasferimento verso l’hotel deve essere offerto gratuitamente dal vettore aereo, sia nel tragitto aeroporto/hotel sia il giorno successivo nel tragitto hotel/aeroporto.

In genere, il trasporto è offerto dal vettore con bus navetta. Ma se questo non avviene e vengono spesi dei soldi per il servizio taxi, è possibile chiedere il rimborso.

Cosa fare se il vettore non offre il trasporto?

Anche in questo caso, hai diritto al rimborso delle spese sostenute per raggiungere l’hotel (per esempio del taxi o di Huber). Ma devi essere in possesso della ricevuta di pagamento (anche con lo screenshot sul telefono).

Se il volo è stato cancellato per circostanza eccezionale, l’Hotel è sempre dovuto?

Ci sono diversi motivi di cancellazione o di ritardo di un volo.

Ma, in ogni caso, la sistemazione in hotel è sempre un diritto del passeggero. E le spese della sistemazione in hotel sono sempre a carico del vettore aereo.

Il Regolamento CE 261 prevede che una circostanza eccezionale può liberare il vettore dall’obbligo di pagare la compensazione pecuniaria. Ma, lo ribadiamo, l’assistenza in hotel è sempre dovuta se necessaria.

Ad esempio, se il volo è cancellato per maltempo grave si ha una circostanza eccezionale. Quindi il passeggero non ha diritto alla compensazione pecuniaria. Però, se il volo sostitutivo al termine del maltempo è previsto il giorno successivo, il passeggero deve essere sistemato gratuitamente in albergo.

Come chiedere rimborso hotel per volo cancellato?

Presupposti per rimborso spese albergo

Per chiedere il rimborso delle spese di hotel, è necessario poterle dimostrare documentalmente.

Ecco i documenti necessari:

  1. Biglietto del volo cancellato o in ritardo, per dimostrare il diritto al rimborso
  2. Fattura dell’albergo, per dimostrare il pernottamento nei pressi o nella stessa città in cui si trova l’aeroporto

Oltre a questi documenti, sono utili anche scontrini e fatture che possono dimostrare ulteriori spese per chiederne il rimborso (es. taxi, bus navetta, pasti e bevande, ecc.).

Conclusioni sul rimborso hotel per volo cancellato

Come avrai compreso dalla lettura di questo articolo, il vettore deve offrire la sistemazione in albergo gratuitamente, quando è necessario farlo.

Se il vettore non offre questa assistenza, il passeggero ha diritto al rimborso di tutte le spese sostenute, purché abbia i documenti per dimostrarle.

Per chiedere il rimborso spese hotel, inserisci i dati del tuo volo nella nostra pagina VERIFICA VOLO GRATIS.

Oltre a valutare se hai diritto al rimborso, in modo gratuito verificheremo anche se è possibile chiedere un risarcimento danni.

Abbiamo già assistito migliaia di passeggeri italiani e saremo felici di poter aiutare anche te.

Italiani bloccati all’estero per coronavirus. Risarcimento sì o no?

Italiani-bloccati-estero-coronavirus

I dati mostrano 37.000 italiani bloccati all’estero a causa del coronavirus e della cancellazioni di migliaia di voli aerei.

In un altro nostro articolo abbiamo già parlato del rimborso volo cancellato per coronavirus.

Ma in questa pagina parlerò di un altro aspetto, che riguarda anche la possibilità di chiedere un risarcimento danni alla compagnia aerea che non ti ha riportato a casa, in Italia.

Sappiamo benissimo che la pandemia del covid-19 ha messo in ginocchio il servizio dei trasporti, ma questo non significa che i passeggeri non debbano ricevere la tutela prevista dal Diritto dell’Unione europea. Anzi, la ragion d’essere dei diritti dei passeggeri dovrebbe trovare maggiore espressione proprio in questi casi di necessità.

Scoprirai che già esiste un precedente giurisprudenziale che ha previsto il diritto del passeggero a ricevere assistenza anche in casi particolarissimi. Questa assistenza consiste nel rimborso delle spese sostenute e necessarie, oltreché in un risarcimento danni se documentato.

Vediamo in dettaglio di cosa si tratta.

Quando si applica il Diritto dell’Unione europea al passeggero aereo?

Tutto ciò che leggerai in questa pagina si applica quando hai acquistato un biglietto da una compagnia aerea europea (es. easyJet, Vueling, Air France, British Airways, Alitalia, ecc.).

Se invece il biglietto è stato acquistato da una compagnia aerea non europea (es. Air India, American Airlines, ecc.), è necessario che sussistano entrambe queste condizioni:

  • il volo di andata partiva dall’Europa
  • volo di andata e di ritorno erano previsti nella stessa prenotazione.

A trovare applicazione è dunque il Regolamento CE n. 261/2004.

Quando si applica il diritto internazionale?

In ogni caso, il passeggero aereo che aveva acquistato un volo in partenza da un paese fuori dall’Europa ha diritto a far applicare il risarcimento danni previsto dalla Convenzione di Montreal del 1999, purché riesca a documentare le spese effettuate.

Cosa prevede il diritto europeo?

Il Regolamento CE 261 prevede che il passeggero vittima di un volo cancellato abbia diritto ad assistenza (art. 8):

  • pasti e bevande in relazione al tempo di attesa
  • sistemazione in albergo fino al volo alternativo
  • trasporto tra aeroporto/albergo e viceversa per la ripartenza
  • telefonate e mail gratuite per contattare i propri familiari in Italia o le Autorità italiane per denunciare fatti rilevanti

Cosa possono fare gli italiani bloccati all’estero?

Gli italiani bloccati all’estero possono chiedere l’applicazione del Regolamento CE e della Convenzione di Montreal per chiedere:

  • volo alternativo il prima possibile verso la destinazione finale prevista nel biglietto acquistato
  • assistenza, con pasti, bevande, hotel, trasporti, ecc.
  • rimborso delle spese sostenute per omessa assistenza
  • risarcimento del danno ulteriore, quale conseguenza della omessa assistenza

Per maggiori chiarimenti, puoi scriverci a info@tuorisarcimento.it oppure compilare la nostra pagina di VERIFICA VOLO GRATIS e raccontarci la tua storia.

Perché le compagnie aeree non riportano gli italiani a casa?

La nostra esperienza, al fianco dei passeggeri italiani, ci chiarisce i motivi per cui non viene offerto un volo sostitutivo.

La quasi totalità dei voli è operata dalla compagnie aeree con rotazione programmata a pieno carico. Questo significa che, per massimizzare i profitti, ogni volta che un aeromobile si sposta, deve trasportare dei passeggeri. Ma se un volo è cancellato, questo si riflette anche sulle tratte successive. O, almeno, questo è quello che i vettori fanno per i loro interessi economici.

Ad esempio, se il volo Roma-New York è cancellato, perché gli USA hanno vietato i voli provenienti dall’Europa a causa del coronavirus, alla compagnia aerea non conviene trasferire un aeromobile vuoto dall’Italia a New York. Per cui, i passeggeri che da New York dovevano ritornare in Italia non potranno salire su nessun aeromobile disponibile.

Si tratta ovviamente di una scelta commerciale del vettore aereo, che però deve essere obbligato a risarcire il danno causato. Dai dati finora raccolti, ci risulta che il 94% dei vettori non sta assistendo i passeggeri.

Cosa hanno già deciso in giudici per casi simili?

Non tutti ricorderanno che dal 15 al 22 aprile 2010, vi fu l’eruzione del vulcano islandese dal nome impronunciabile, Eyjafjallajökull. Questa eruzione mandò in tilt migliaia di voli aerei in tutta Europa (circa un volo su quattro).

In quella circostanza, migliaia di passeggeri hanno citato in giudizio in tribunale i rispettivi vettori aerei, perché furono abbandonati negli aeroporti. Migliaia e migliaia di passeggeri furono costretti a passare più notti negli aeroporti, senza la minima forma di assistenza.

Il primo caso che arrivo alla Corte di Giustizia fu contro la Ryanair, che negava l’assistenza ai propri passeggeri a causa della circostanza eccezionale dell’eruzione vulcanica.

Ma la Corte di Giustizia europea condannò la Ryanair a rimborsare ai passeggeri le somme spese a causa della mancata assistenza per:

  • pasti e bevande durante tutto il tempo di attesa
  • sistemazione alberghiera fino al volo sostitutivo

Sto parlando della celebre sentenza nella causa C-12/11 Denise McDonagh / Ryanair Ltd.

Noi di TuoRisarcimento, abbiamo più volte fatto valere i diritti dei passeggeri che ci hanno contattato sulla base degli stessi principi di diritto già espressi dalla Corte di Giustizia nel 2011.

Pertanto, anche gli italiani bloccati all’estero a causa del coronavirus posso chiedere l’applicazione di questa sentenza della Corte di Giustizia. Per farlo, è necessario costituire in mora il vettore e diffidarlo al pagamento entro i termini di legge. A seguire, se il vettore non provvederà al pagamento, costringerlo con un provvedimento giudiziale. In tutto ciò, noi di TuoRisarcimento siamo specializzati a formulare le istanze necessarie, con la nostra conoscenza del diritto europeo e internazionale.

Cosa fare per chiedere un rimborso o un risarcimento?

La prima cosa da fare per gli italiani bloccati all’estero è quello di contattare la Farnesina se non si è ricevuta nessuna forma di assistenza dal vettore. Il Ministero italiano ha infatti già organizzato dei voli, o li sta organizzando, per riportare gli italiani a casa. Ovviamente, questo, doveva farlo il vettore aereo a proprio spese.

Se non è accaduto, c’è quindi un modo per “fargliela pagare”.

Rientrati in Italia, è necessario raccogliere tutta la documentazione in una cartella, tra cui:

  • biglietto aereo di andata e di ritorno
  • corrispondenza con il vettore (mail, sms), se vi è stata
  • documenti giustificativi delle spese sostenute (albergo, trasporti locali, pasti e bevande, assicurazioni, cure mediche, ecc.)

Inviare questa documentazione al nostro indirizzo mail info@tuorisarcimento.it con una descrizione del caso, affinché possiamo ricontattarti per maggiori dettagli e offriti assistenza gratuita.

Il termine per agire è di 2 anni dalla data del volo di ritorno previsto originariamente, ma il consiglio è di attivarsi il prima possibile. Perché la crisi dei voli aerei, nei prossimi mesi, potrebbe comportare il fallimento della compagnia aerea. Per cui è bene muoversi con celerità per recuperare il prima possibile il rimborso delle spese o l’eventuale risarcimento del danno.

In alternativa, puoi compilare il nostro modulo nella pagina di VERIFICA VOLO GRATIS.

Saremo felici di poterti aiutare, come già abbiamo fatto con migliaia di passeggeri italiani.

Voli Vueling da Malpensa: 10 idee di viaggio

Voli Vueling da Milano Malpensa

La compagnia aerea low cost Vueling offre una fitta rete di collegamenti con importanti città europee, asiatiche o nordafricane ma anche con gettonate località di vacanza in Spagna, Grecia e Portogallo.

Scopri 10 idee di viaggio con voli Vueling da Malpensa, con tanti suggerimenti e informazioni su come pianificare al meglio il tuo break.

Quali voli Vueling partono da Malpensa?

Vueling collega Milano con diverse città:

  • Barcellona
  • Madrid
  • Parigi
  • Londra
  • Amsterdam
  • Berlino
  • Budapest
  • Bucarest
  • Copenhagen
  • Oslo
  • Stoccolma
  • Vienna

Mentre le destinazioni di mare dove trascorrere fantastiche vacanze estive sono:

  • Ibiza
  • Fuerteventura
  • La Palma
  • Lanzarote
  • Creta
  • Santorini
  • Mykonos
  • Alicante
  • Valencia
  • e molte altre ancora.

La maggior parte dei voli prevede almeno uno scalo, in genere a Barcellona. Mentre pochi sono i voli diretti, che interessano per lo più città spagnole o capitali europee.

Idee per viaggi d’estate con Vueling

La compagnia aerea Vueling offre voli in partenza da Milano Malpensa per diverse straordinarie località dove trascorrere vacanze estive all’insegna del mare, della natura, del divertimento o della cultura.

Ecco, allora, qualche interessante proposta di voli Vueling in estate per iniziare a sognare le tue prossime vacanze.

Voli Vueling Milano – Ibiza

Se desideri trascorrere delle divertenti vacanze per rilassarti su fantastiche spiagge, ammirare suggestivi tramonti e poi tuffarti in una frizzante vita notturna, la tua destinazione è Ibiza, la Perla delle Baleari.

I voli Milano – Ibiza Vueling sono diretti e rappresentano un’ottima opzione per raggiungere l’isola del divertimento

Per scoprire tutto su Ibiza e dalle spiagge più belle clicca qui

Voli Vueling Milano – Fuerteventura

Se ami il mare ma allo stesso tempo anche lo sport e le attività a stretto contatto con la natura puoi optare per una vacanza nella straordinaria isola di Fuerteventura.

Qui puoi rilassarti su lunghissime spiagge di sabbia dorata ma anche dedicarti allo sport, praticando surf o kitesurf. Una volta stanco del mare potrai dedicarti alla scoperta del suo meraviglioso entroterra, praticando trekking in spazi naturali selvaggi e suggestivi come il Parque Natural de Corralejo, il Parque Natural de Jandia o lungo le pendici del monte Tindaya.

I voli Milano Fuerteventura Vueling non sono diretti ma fanno scalo a Barcellona.

Per scoprire tutte le attrazioni di Fuerteventura, clicca qui

Voli Vueling Milano – Maiorca

Se hai dei bambini, un’ottima destinazione dove trascorrere le vacanze estive è Maiorca, un’altra isola delle Baleari. Risulta essere molto richiesta dalle famiglie per la presenza di alberghi e resort dotati di varie piscine, parchi acquatici e club per ragazzi.

Anche i voli Milano – Maiorca Vueling non sono diretti ma fanno scalo a Barcellona.

Per scoprire tutto su Maiorca, clicca qui

Voli Vueling Milano – Creta

Se ami la Grecia, con le sue coste frastagliate che nascondono incantevoli spiagge e i suoi pittoreschi paesi dalle case color bianco con dettagli blu, Creta è un’altra delle destinazioni che puoi raggiungere da Milano.

I voli per questa località non sono diretti ma prevedono uno scalo a Barcellona.

Per pianificare al meglio le tue vacanze a Creta, scopri tante utili informazioni cliccando qui.

Voli Vueling Milano – Mykonos

Vuoi trascorrere delle vacanze all’insegna del divertimento notturno più sfrenato?

L’isola greca di Mykonos è la meta perfetta per te. Qui puoi rilassarti tutto il giorno lungo fantastiche spiagge per ricaricarti di energia in previsione di vivaci notti che iniziano con dj set al tramonto in spiaggia. I divertimenti continuano nei bar e nei locali di Mykonos Town, per poi concludersi di nuovo in spiaggia, dove ammirare lo spettacolo del sole che sorge dall’acqua. 

Vueling non opera voli diretti da Milano a Mykonos ma è sempre necessario effettuare almeno uno scalo.

Inizia ad assaporare la tua vacanza a Mykonos, scoprendo tante informazioni utili, cliccando qui.

Idee per viaggi Invernali con Vueling

La compagnia aerea Vueling collega Milano Malpensa con tutte le principali destinazioni europee offrendo sia voli diretti che con scalo a un buon rapporto qualità/prezzo..

Puoi così regalarti un weekend in Europa per ammirare il foliage a Parigi, per goderti la movida a Barcellona o Madrid, per fare shopping natalizio a Londra o per stupirti di fronte alle meraviglie architettoniche di Budapest.

Voli Vueling Milano – Parigi

Parigi è sempre un’ottima idea. La Ville Lumière è straordinaria in ogni stagione dell’anno e non solo per gli innamorati o chi non l’ha ancora visitata.

Questa cosmopolita capitale offre tantissime attrazioni, dalle più conosciute come il Louvre, la Tour Eiffel, la Basilica del Sacro Cuore, l’Opéra ad altri luoghi meno conosciuti ma estremamente affascinanti come il Canale Saint Martin o La Pagode, la più grande pagoda giapponese d’Europa.

I voli Vueling Milano Parigi Orly sono diretti e non c’è bisogno di effettuare nessuno scalo.

Scopri tutte le informazioni su come organizzare il tuo viaggio a Parigi, clicca qui

Voli Vueling Milano – Barcellona

Barcellona è una meta perfetta per regalarsi un weekend all’insegna del divertimento ma anche della cultura. Si possono visitare le straordinarie opere di Gaudi e, grazie a un clima particolarmente favorevole, potresti anche trascorrere qualche ora in spiaggia alla Barceloneta!

I voli Milano Barcellona operati da Vueling sono tutti diretti.

Leggi tutte le informazioni e le idee per programmare il tuo weekend a Barcellona, clicca qui

Voli Vueling Milano – Madrid

Un’altra destinazione perfetta per un weekend in Europa è Madrid, l’affascinante capitale spagnola dove è possibile ammirare gli straordinari capolavori del Prado. Qui puoi rilassarsi con una passeggiata nel Parco del Retiro e poi tuffarti nell’allegra frenesia dei locali vicino a Puerta del Sol.

I voli Milano Madrid Vueling sono diretti 

Per tutti i suggerimenti su cosa vedere a Madrid e come spostarti nella capitale spagnola, leggi qui

Voli Vueling Milano – Londra

Un’imperdibile capitale dove trascorrere un weekend in inverno è Londra. Qui puoi dedicarti alla scoperta delle icone di questa cosmopolita città come il Big Ben, il Palazzo di Westminster, Buckingham Palace, the London Eye, the British Museum e poi goderti la frenesia di Piccadilly Circus e Portobello Road.

I voli Milano Londra Vueling non sono diretti ma è necessario fare uno scalo a Barcellona.

Scopri tanti consigli e suggerimenti per pianificare al meglio il tuo viaggio a Londra, clicca qui

Voli Vueling Milano – Budapest

Budapest è un’altra suggestiva meta dove trascorrere un weekend autunnale. I mesi centrali dell’inverno possono infatti essere molto rigidi, ma durante un break, nella capitale ungherese, puoi visitare il Castello di Buda e il Parlamento. Inoltre potrai ammirare il panorama sulla città dal Bastione dei Pescatori e poi rilassarti in uno dei tanti centri termali come i fantastici Bagni Széchenyi.

I voli Milano Budapest Vueling fanno sempre scalo a Barcellona.

Leggi tanti consigli su cosa vedere a Budapest in un weekend, clicca qui

Vueling Recensioni

Sui principali siti di recensioni, la compagnia aerea Vueling ha voti piuttosto negativi in quanto la maggior parte dei viaggiatori lamenta una scarsa qualità dei servizi, poco tempestive comunicazioni di cambi di orario e un’estrema difficoltà nell’ottenere rimborsi.

Per saperne di più leggi il nostro su come fare un RECLAMO VUELING.

Recensioni Vueling su Trustpilot

Su Trustpilot, a Vueling viene attribuita una sola stella su cinque, in quanto molti viaggiatori segnalano:

  • scarsa qualità dei servizi
  • difficoltà o impossibilità a ottenere rimborsi anche in caso di gravi problemi di salute o ricoveri ospedalieri
  • frequenti cambi di orario o di giorno della partenza

Per leggere tutte le recensioni Vueling su Trustpilot clicca qui

Recensioni Vueling su Tripadvisor

Anche le recensioni su Tripadvisor sono piuttosto negative e il punteggio totale ottenuto dalla compagnia aerea spagnola è 2,5 su 5.

Le lamentele dei passeggeri sono molto simili a quelle che si leggono su Trustpilot. Quindi, bassa qualità dei servizi, estrema difficoltà nell’ottenere rimborsi, cambi di orari e di date di viaggio, peraltro comunicati male e senza anticipo.

Per leggere tutte le recensioni Vueling su Tripadvisor clicca qui

Informazioni utili sui voli Vueling da Malpensa

Scopri tutte le informazioni pratiche per organizzare la tua partenza con un volo Vueling dall’aeroporto di Milano Malpensa.

Codice IATA

Il codice IATA della compagnia aerea é VY. Questa informazione ti sarà utile per individuare subito il tuo volo quando consulterai il tabellone delle partenze.

Terminal

I voli Vueling partono e arrivano al Terminal 1 di Malpensa. Per scoprire o conoscere meglio tutti i servizi e i negozi presenti in questo terminal, consulta la mappa che può essere ingrandita o rimpicciolita a seconda delle tue esigenze.

Assistenza Clienti

Se hai bisogno di qualunque informazione o consiglio per pianificare la tua partenza dall’aeroporto di Milano Malpensa puoi contattare l’Assistenza Clienti tramite diversi canali.

Telefono

Il customer care è attivo tutti i giorni dell’anno dalle 7.00 alle 23.00 chiamando il seguente numero: 02 232323.

Chatbot

Puoi contattare l’Assistenza Clienti anche tramite:

Facebook, seguendo la pagina ufficiale Malpensa Airports

Twitter, seguendo il canale dedicato @MiAirport

Oppure scaricando l’app disponibile sia per Android che per IOS.

Parcheggi Aeroporto Milano Malpensa

Presso l’aeroporto di Malpensa sono disponibili molteplici parcheggi coperti o scoperti che offrono proposte e tariffe adatte a qualunque esigenza.

Ad esempio, ci sono offerte pensate in base alla durata della sosta, sia breve sia prolungata. Si trovano anche proposte per chi deve parcheggiare auto di lusso, per chi è disponibile a pagare qualcosa di più ma essere più vicino all’aeroporto, ecc.

I parcheggi più comodi per imbarcarsi al Terminal 1, da dove partono i voli Vueling, sono il P1 e il P3. Puoi consultare la pratica cartina con tutti i parcheggi dell’aeroporto di Malpensa e le relative offerte cliccando qui

Come raggiungere il Terminal 1 Milano Malpensa

Il Terminal 1 dell’aeroporto Milano Malpensa, da dove partono i voli Vueling, può essere raggiunto comodamente sia con mezzi privati sia con mezzi pubblici.

Se vuoi raggiungerlo in auto puoi percorrere l’autostrada A8, A9 o A4 oppure la Pedemontana Lombarda A36.

I bus per Milano Malpensa partono dalla Stazione Centrale di Milano, da Fiera Milano City, da Rho Fiera e dall’aeroporto di Milano Linate. Mentre il treno Malpensa Express parte dalle stazioni di Milano Cadorna e Milano Centrale e ferma anche a Milano Porta Garibaldi e Milano Bovisa.